header_

Archivi per la categoria ‘Bill Hicks’

Cari ragazzi-capra, ecco la nostra strenna natalizia per voi. Il nostro e il vostro comico preferito viene raccontato dai suoi amici e familiari in questo recente documentario, realizzato con materiale di archivio e innovative animazioni che rendono tridimensionali le fotografie del nostro.

Fate la conoscenza di Jimmy Pineapple, Kevin Booth, Dwight Slade, John Farneti e tutti gli altri amici di Bill. Sbirciate dietro le quinte del suo genio grazie ai racconti della famiglia Hicks. Ascoltate dalla viva voce di chi gli è stato accanto dall’inizio alla fine la sua discesa agli inferi della dipendenza dall’alcol e dalle droghe, quindi la risalita verso la sobrietà e il successo internazionale, percorso interrotto bruscamente da un tumore fulminante e beffardo, che ha privato il mondo di una delle menti più lucide della sua generazione.

Senza Bill Hicks la stand-up comedy oggi sarebbe molto diversa da come la conosciamo, e probabilmente non esisterebbe neanche il sito su cui vi trovate in questo momento.

Quindi, grazie Bill. Ci manchi ogni giorno di più.

Traduzione: Adrien Vaindoit, Tode Sakugawa, Paolo Burini
Revisione e resynch: ReRosso

Durata video: 101:30

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> Acquista il DVD <

Per tutti gli appassionati di Bill Hicks, ecco un breve estratto in cui il nostro esprime il suo punto di vista sull’opportunità di ammettere gli omosessuali nell’esercito, tema che è ancora di scottante attualità dopo tutti questi anni.

Traduzione e timing: Adrien Vaindoit
Revisione ed encoding: Vaz

PS: colgo l’occasione per annunciarvi che è da poco nata la nostra fanpage ufficiale su Facebook!

Mentre lavoriamo alacremente a nuove traduzioni, aggiungiamo l’ultima traduzione apparsa sul blog di ReRosso che non era stata ancora inserita qui.

Finalmente torniamo a proporvi uno dei migliori comici che abbiano mai calcato le scene: Bill Hicks, con il suo ultimo spettacolo trasmesso in TV, Revelations. Lo show fu registrato nel 1993 al Dominion Theatre di Londra e trasmesso per la prima volta dalla BBC il 27 maggio dello stesso anno.

In questo monologo Hicks tocca tutti i suoi temi più classici: la prima Guerra del Golfo, l’omicidio Kennedy, la religione, le droghe, la pubblicità e il sesso. Il tutto con una massiccia dose di cinismo e senza alcun freno inibitore. Ma proprio quando pensate che non si possa essere più estremi, Bill tira fuori Goatboy, una sorta di divinità pagana con le sembianze di capra. E mette alla prova il vostro senso morale.

Questo spettacolo è l’ultimo che Hicks registrò (almeno ufficialmente), prima di morire di cancro al pancreas nel 1994.

Coloro che ci seguono da tempo noteranno che George Carlin ha ripreso alcune delle tematiche trattate da Bill, senza però scadere mai nel plagio: un tributo di un grande a un altro grande.

Traduzione: ReRosso & ilbosshog
Timing: ReRosso
Check: Vaz & Adrien Vaindoit
Styling: Vaz

Durata video: 75:05

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

hicks revelations

> ACQUISTA IL DVD <

Gentili utilizzatori finali, viviamo tempi bui. Il fiammifero che vi proponiamo oggi per illuminare la via è, ancora una volta, il nostro beniamino Bill Hicks. Ebbene sì, ComedySubs è ormai alla frutta e ha deciso di raschiare il fondo del barile offrendovi un bootleg di scarsa qualità audio/video spacciato per un grande ritorno in pompa magna.

Trattasi, come detto, dell’unico show [se si eccettua un Live in Chicago del 1992 di pessima qualità video  (ReRosso)] che ancora era scampato alle grinfie dei nostri traduttori e dell’ultimo spettacolo  registrato dal comico texano, e possiamo dire che è un po’ come il nostro This Is It.

È il 17 novembre 1993, 3 mesi prima che Iddio ci negasse esilaranti monologhi su George Bush jr chiamando a sè tra atroci sofferenze il nostro mai troppo compianto Bill. E in scena vediamo un Hicks a cui non siamo abituati, barbuto, visibilmente dimagrito per la malattia e incattivito per un destino umanamente impossibile da accettare.
Le note di speranza che chiudevano i suoi spettacoli sono sparite, ora Bill riversa le sue frustrazioni (senza però nessuna traccia di vittimismo) su uno sparuto pubblico di fans (lui che meritava ben altri palcoscenici) in quella che lui stesso definì “comedy of hate”.

È anche lo spettacolo del famoso sketch su Rush Limbaugh, ricucito da Daniele Luttazzi (che riprende da questo monologo un altro paio di battute) addosso al suo omologo italiano Giuliano Ferrara, ma vedrete che, in confronto a ciò che dice Bill, la versione di Luttazzi sembra uscita dal Bagaglino.

Alla fine dello show, Hicks ci lascia sulle note dei Rage Against the Machine, al grido di “Fuck you, I won’t do what you tell me!”, ultimo grido di libertà e di autonomia di pensiero di un grande comedian.

– Adrien Vaindoit

Traduzione e timing: Adrien Vaindoit
Revisione e synch: ReRosso
Styling ed encoding: Vaz

Nota tecnica di Vaz: come vi sarete resi conto dall’immagine qui sopra, la qualità video è infima. Purtroppo è l’unica versione disponibile in rete, con una risoluzione microscopica e, verso la fine, con l’audio fuori sincrono. Il tentativo di aumentare la risoluzione era un rimedio peggiore del male, perciò dobbiamo arrangiarci così. Buona visione.

Visto che i lavori per i nuovi spettacoli procedono a rilento, riproponiamo uno show che avevamo pubblicato prima della nascita di questo sito. Buona visione!

Bill Hicks è stato uno dei comici americani più corrosivi di sempre. Secondo quanto affermava Bill medesimo, la sua comicità era “Chomsky con battute sul cazzo” [Chomsky with dick jokes]. Ebbe un discreto successo in vita, ma come spesso accade è diventato una leggenda solo dopo la sua prematura morte. Ha vissuto all’insegna degli eccessi, ma la sregolatezza non ha avuto alcun ruolo nell’accorciargli la vita: Hicks, infatti, è morto il 26 febbraio 1994 per cancro al pancreas.

One Night Stand era una serie televisiva della HBO che proponeva ogni settimana un monologo di un comico diverso. L’episodio che vi proponiamo oggi è stato trasmesso per la prima volta il 27 Aprile 1991. Bill Hicks qui parla di sesso, droga e rock’n’roll.

Traduzione & timing: ReRosso
Revisione & styling: Vaz

Durata video: 28:19

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> ACQUISTA IL DVD <

Da molti considerata la migliore performance di Bill Hicks, Relentless fu registrato al Montreal International Comedy Festival nel 1991. Ormai Bill lo conoscete bene, sapete di cos’è capace, non c’è bisogno che vi stia a esaltare le sue doti di fustigatore di folle. Qui ci sono alcuni pezzi che avete già visto altrove, come quello sulla cameriera della Waffle House o quello sulla notizia positiva sulla droga, ma anche del materiale “inedito”, come la visita degli UFO a Fyffe, Alabama, o il punto di vista di Bill sul sesso orale.

Questa release è fatta in collaborazione con quelli di Yound, che l’avevano già tradotto prima di noi. Ho operato una revisione piuttosto radicale della loro versione (ecco perché mi sono accreditato anche come traduttore) quindi, nel caso aveste già visto il monologo con i vecchi sottotitoli, vi consiglio di rivederlo perché probabilmente vi siete persi qualcosa.

Vi auguro buon divertimento!

Traduzione: MelindaGebbie & ReRosso
Revisione: AlanMoore & ReRosso
Check: Adrien Vaindoit
Styling: Vaz

Durata video: 60:37

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

vlcsnap-54780

> ACQUISTA IL DVD <

Dopo la divagazione trash di Manos, torniamo (con un certo ritardo rispetto a quanto previsto) a occuparci di comici, e lo facciamo con uno splendido spettacolo del nostro Bill Hicks: Sane Man.

In questo show, Bill appare all’inizio della sua ascesa verso la notorietà, nella sua prima apparizione rilasciata ufficialmente in video. Registrato in un locale di Austin, Texas, il monologo ci offre un Bill Hicks fresco e ispirato, alle prese con del materiale che entrerà poi stabilmente nel suo repertorio (come il pezzo sui non fumatori, o quello sulle rockstar moderne), oltre a delle battute che via via abbandonerà.

La cosa a mio parere più interessante di Sane Man è il fatto che è ambientato in un club invece che in un teatro, e Bill è letteralmente circondato dal pubblico, su tre lati del palco. Questa location esalta il suo carisma e gli permette di interagire continuamente con degli spettatori che tra l’altro lo conoscono molto bene e gli richiedono dei pezzi. Bill aveva infatti fatto la gavetta poco distante, nel club Comedy Workshop di Houston.

Dietro specifica richiesta di sgnacbarabaus, stavolta i sottotitoli sono di colore giallo-Simpson, a sottolineare cromaticamente il carattere corrosivo della comicità di Bill Hicks.

Buona visione.

Traduzione: sgnacbarabaus, Adrien Vaindoit & ReRosso.
Check & timing: ReRosso
Styling: Vaz

Durata video: 80:11

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> ACQUISTA DVD <

Satiristas!
Principale
Siti amici
Archivi
Twitter
Facebook

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, acconsenti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, scrollando verso il basso o cliccando su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi