header_

Archivi per la categoria ‘Doug Stanhope’

Gentili anime in pena,

siamo fieri di annunciarvi l’uscita del primo libro tradotto da ComedySubs. Il nostro esordio in libreria non poteva che essere con ¡Satiristas! – La rivincita della satira, edito da Sagoma Editore, corposo libro di interviste ad alcuni dei comici anglofoni più importanti del mondo della stand-up comedy. L’autore delle interviste è Paul Provenza (regista di The Aristocrats), un comico a sua volta, che ci darà l’opportunità di conoscere l’opinione dei più grandi stand-up comedian sui temi più spinosi concernenti la comicità: quali sono i suoi limiti, se sono necessari paletti, se può cambiare la società, che rapporto ha con la verità.  Il libro è impreziosito dai ritratti fotografici di tutti i comici intervistati, a opera del fotografo Dan Dion.

Parleremo di censura con Trey Parker e Matt Stone, di infelicità con Doug Stanhope, della risata secondo Jay Leno e secondo Bill Maher, di contesto con Lewis Black, di Groucho Marx con Conan ‘O Brien, di fori di proiettile stuprati con Paul Krassner, di Monty Python con Terry Jones, del perché gli autori di The Onion hanno deciso di non pubblicare la battuta “L’America è più forte che mai, dichiara il Tetragono” nel numero dedicato all’11 settembre, e tanto altro, tra cui soprattutto l’ultima, illuminante, intervista-fiume concessa da George Carlin appena una settimana prima della sua morte.

Un bel po’ dei protagonisti del libro li conoscete e sono già comparsi su queste pagine (oltre a quelli citati sopra, ci sono Billy Connolly, Dave Attell, Jamie KilsteinMargaret Cho, Tom Lehrer, Randy Newman e gli autori di Wonder Showzen), altri compariranno a seconda della curiosità che sicuramente susciteranno in voi anime prave.

Mancano alcuni grandi, come Bill Hicks (per ovvi motivi), Louis CK o Eddie Izzard, ma il libro fornisce un ritratto esaustivo del mondo della comicità anglosassone e leggerlo è un ottimo modo per conoscere tutte le implicazioni che si celano dietro alle punchline dei più grandi. Questo libro non può mancare sul comodino di ogni vero appassionato di satira, di ogni aspirante comico, di ogni comico navigato e di tutti quelli che passano le nottate a scrivere battute sul forum di Spinoza.

Siamo talmente fieri di aver tradotto questo libro che saremmo disposti a presentarlo perfino a Che Tempo Che Fa.

Sappiamo che vi abbiamo abituati ad avere i nostri servigi gratis, ma questa volta il costo del libro è 20 euro e vi invitiamo ad acquistarlo qui da noi al prezzo scontato di 17 euro usando il box qui nella colonna di destra.

I proventi delle copie acquistate dal nostro sito saranno utilizzati per realizzare finalmente il Piano di Rinascita Democratica e quello che avanza per finanziare i prossimi progetti di ComedySubs, come ad esempio quello di produrre il Satiristas italiano!

Il libro sarà disponibile a partire dal 10 luglio, quindi le copie acquistate prima di quella data le spediremo non appena ne verremo in possesso.

Per i primi 10 ordini le spese di spedizione sono gratis [update: PROMOZIONE ESAURITA]. Cosa volete più, che ci mettiamo una scopa in culo e vi ramazziamo la stanza?

Cari impertinenti missili francesi,

torniamo ad avvelenare il mercato delle traduzioni pubblicando gratis per voi lo spettacolo che è risultato essere quello che più desideravate veder pubblicato su queste pagine, in uno slancio di generosità che abbiamo avuto in occasione dei festeggiamenti per il nostro quarto anno di vita e che vi illuderà che ci interessi in qualche modo il vostro parere.

Prima di puntare la pistola verso di me“. Non sembra essere molto ottimista il buon Doug: non che ci abbia abituati al contrario. Stavolta nel suo monologo espone le sue riflessioni non solo sulla vita e sul mondo, ma anche sul suo stesso ruolo di comico, arrivando a conclusioni interessanti su cui vorremmo conoscere anche il vostro parere.

Come se ce ne fottesse qualcosa.

Traduzione: Adrien Vaindoit
Revisione: ReRosso

Durata video: 67:29

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> Acquista il DVD < 

Cari orfani dell’articolo 18, vorremmo tentare di consolarvi un po’ in questi tempi bui fornendovi qualche spettacolo che infonda buoni sentimenti e vibrazioni positive. Ecco perché abbiamo deciso di tradurre il secondo DVD del nostro Doug Stanhope.

In questo spettacolo girato in sgargiante bianco e nero in uno scantinato di Seattle, Doug vi allieterà la giornata parlandovi di guerra, eutanasia, pedofilia, aborto, malformazioni congenite e tante altre cose simpatiche. Ma prima di lasciarvi allo spettacolo, vi ricordo che è da pochissimo uscito l’ultimo DVD del nostro “eroe fannullone”, di cui ovviamente vi offriremo i sottotitoli in un futuro prossimo. Il titolo? Before turning the gun to himself. Allegria!

NB: a scanso di equivoci… lo spettacolo fa ridere.

Traduzione: GioM
Revisione: ReRosso

Durata video: 75:17

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> Acquista il DVD <

Cari soliti idioti, noi non vi promettiamo “Mari o Monti” (e scusate il battutone), ma ogni tanto ci ricordiamo di pubblicare qualche nuovo show… ed eccoci qua oggi ad allietare le vostre menti provate da spread, Btp e Bund con l’ultima fatica del più corrosivo dei comici viventi: Doug Stanhope.

In questa occasione il nostro ha approfittato del suo tour europeo per volare fino in Norvegia e dirne quattro agli scandinavi, esibendosi in una specie di capannone dove qualcuno aveva infilato delle sedie pieghevoli e facendosi riprendere a malavoglia da alcuni cameramen che evidentemente non capivano quello che diceva. Lo stile è sempre lo stesso, solo che con l’età Doug raggiunge livelli sempre superiori di nichilismo e di cinismo, riuscendo a risultare incredibilmente divertente a un piccolo manipolo di fan, ma assolutamente odioso alla grande massa.

E voi, da che parte state?

Traduzione: Paolo Burini
Revisione: ReRosso

Durata: 89:07

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> Acquista il DVD < 

Cari sudditi di un regime decadente, in attesa della strenna natalizia vi chiediamo anche noi la fiducia. Sì, perché oggi vi presentiamo un altro comico che non era ancora sbarcato nel nostro italico stivale. Doug Stanhope, classe 1967, originario del Massachusetts, alcolizzato.

Quando si parla di Doug Stanhope, i paragoni con Bill Hicks si sprecano: Doug è un comico incazzato tabagista agitatore di folle e dispensatore di verità assolute. E beve birra come un cammello durante i suoi monologhi. Le sue esibizioni sono spesso fonte di grandi polemiche a causa delle sue battute a sfondo sessuale, razziale e religioso. Non perde mai occasione per insultare apertamente gli abitanti dei posti in cui si esibisce. Durante un festival in Irlanda nel 2006, all’apice dello scandalo della pedofilia nella Chiesa irlandese, Doug sostenne che gli irlandesi stupravano i bambini perché le donne irlandesi sono troppo brutte. Le sue esibizioni successive al festival furono cancellate.

No Refunds è girato a New York e comprende pezzi su argomenti osceni quali droga, pedopornografia, antisemitismo, aborto e Joseph Ratzinger.

Buon divertimento.

Traduzione e timing: ReRosso
Revisione: Chiarissima e Adrien Vaindoit

Durata video: 60:13

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> Acquista il DVD <

Satiristas!
Principale
Siti amici
Archivi
Twitter
Facebook

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, acconsenti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, scrollando verso il basso o cliccando su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi