header_

Archivi per la categoria ‘Robert Schimmel’

Pensate al filo rosso che parte dall'Ungheria del 1941, dove una ragazza di nome Betty Markowitz è costretta a lasciare il suo amore di gioventù per essere deportata a Mauthausen, e prosegue in America, dove questa ragazza, credendo morto quel suo amore, si trasferisce con Otto, un altro sopravvissuto all'Olocausto diventato nel frattempo suo marito, e passa poi per New York dove la coppia dà alla luce un bambino di nome Robert, pensate a quel filo rosso che segue questo bambino in Arizona, dove la sua famiglia va a vivere, poi passa per l'Air Force degli Stati Uniti d'America, dove il giovane Bobby, negli anni della guerra del Vietnam, contrae l'epatite C a causa di una trasfusione infetta, e poi per Los Angeles, dove, appena trentenne e già padre di famiglia, Robert decide di trasferirsi per fare il comico dopo aver lasciato il vecchio lavoro di venditore di stereo salvo scoprire che il locale in cui era stato scritturato era andato a fuoco il giorno prima del suo arrivo, quel filo rosso che continua, passando sotto l'egida di Rodney Dangerfield che apprezza Robert per il suo humour autolesionistico, si incrocia con altri fili relativi ad altra gente allora in ascesa come Bill Hicks e Sam Kinison, e lo accompagna mentre rifiuta il ruolo di George in Seinfeld dicendo a Larry David che la sceneggiatura non faceva ridere, e segue Robert durante tutti i primi successi come autore comico di In Living Colour, di due special sul canale Showtime e di due comedy album, filo che si aggroviglia una prima volta nel 1992 con la morte di suo figlio Derek a soli 11 anni e una seconda nel 1998 per un lieve attacco di cuore ("Capisci che sei fuori forma quando hai un attacco di cuore mentre stai guardando la tv") che gli ispirerà alcuni dei passaggi più divertenti del suo primo HBO special "Unprotected", semplicemente uno dei più grandi classici della comicità moderna, che gli regala la fama di comedian diretto e brillante e che stava per procurargli addirittura un contratto per una serie comica su Fox, se non fosse stato per l'ennesimo groviglio del nostro filo dovuto alla separazione dalla prima moglie e alla scoperta di un linfoma non-Hodgkin al terzo stadio che costringe Robert a dure sessioni di chemioterapia (da cui fuggirà per potersi esibire una sera a Las Vegas), in seguito alle quali riesce a guarire dal tumore, riconciliarsi con la prima moglie Vicki, separarsi definitivamente e sposare la migliore amica della figlia Jessica e a tornare in scena con il suo secondo HBO special "Life Since Then", in cui fa battute su tutto il suo terribile viaggio a braccetto con la morte (raccontato anche nel libro "Cancer for 5 dollars a day") e batte territori ancora inesplorati della comicità, show che segna però anche l'inizio della fine, poiché ormai il filo rosso, giunto sin qui, comincia ad aggrovigliarsi troppe volte su se stesso e si esaurisce nel momento in cui, già debilitato per via di una cirrosi originatasi per l'errata trasfusione ai tempi dell'aeronautica ed esacerbatasi con le chemio tanto da indurlo a mettersi in lista d'attesa di un trapianto di fegato, Robert Schimmel muore in seguito al più banale degli incidenti automobilistici a Scottsdale, Arizona il 3 settembre del 2010, lasciandoci con un palmo di naso e con in mano l'altro capo del filo, a goderci il suo patrimonio comico di autore che ha portato con sé, quasi ce l'avesse scritto nel sangue, un carico di tragedia umana privata e collettiva non indifferente, che ci ha restituito però sottoforma di una comicità straordinaria per la sua efficacia, e talmente onesta da essere un po' ostracizzata e sottovalutata.

Schimmel non era un eroe civile come Lenny Bruce o George Carlin, né un sognatore come Bill Hicks. "Era sempre lui l'oggetto delle sue battute" dice il suo manager Lee Kernis, "Quando parlava dei suoi fallimenti nei matrimoni, nelle relazioni o nell'essere padre, le battute erano sempre incentrate sul fatto che lui alla fine non vinceva mai". "Quello che mi salva è il fatto che sono io la vittima del mio humour. Io sono quello che porta i film porno a casa e chiede a mia moglie di imitarli e mia moglie è quella che dice 'Quando somiglierai a quello lì, allora lo faremo'".

In questo Guilty as Charged, i temi sono quasi esclusivamente a luci rosse, anche quando si parla di animali. Alcuni pezzi verranno sviluppati e riproposti negli spettacoli cronologicamente successivi. Il pezzo sulle parrucche per il cazzo, ad esempio, sarà rielaborato in seguito quando davvero ne avrà comprata una per via delle chemio, e in questo show la cosa non può che sembrarci un oscuro quanto divertente presagio.

Traduzione: Adrien Vaindoit, Paolo Burini
Revisione: Giacinto Palmieri, ReRosso

Gentile pletora di legittimamente impediti e bocchiniani della prima ora, puntuali come Godot sottoponiamo oggi alla vostra cortesissima attenzione uno spettacolo a lungo atteso e rilasciato con ritardo a causa delle gravose lungaggini burocratiche che ci affliggono (aperitivi in riva al mare). Lo spettacolo è “Life since then” di Robert Schimmel, ed è stato tradotto e sottotitolato a sua insaputa.

Il comico in questione, già apparso su questi schermi con “Unprotected“, è l’ennesimo fortunello del prestigioso lotto ComedySubs. Per una bizzarra sodomia del destino, è su Schimmel che si catalizzano le peggiori sfighe dell’universo: due divorzi, un attacco di cuore, un figlio piccolo morto, un raro tumore maligno (dal quale è temporaneamente guarito), un mancato trapianto di fegato, necessario per via di una grave cirrosi epatica, contratta a seguito di una trasfusione ed esacerbata da un terribile incidente stradale che, proprio l’altro giorno, l’ha ridotto in fin di vita assieme alla figlia.

Più che sfiga direi che si tratta di un disegno ben preciso, ma nel frattempo non ci resta che sperare nel suo recupero e goderci questo suo spettacolo, “La vita da allora”, titolo riferito al momento in cui i dottori gli diagnosticarono un linfoma non-Hodgkin sconvolgendogli l’esistenza: sesso, amore e rapporti familiari di un ammalato di tumore saranno i temi trattati da Schimmel, come solo un comico di origine ebraica poteva fare, in uno stile mai intaccato da retorica o piagnisteo.

Adrien Vaindoit

Traduzione e timing: Adrien Vaindoit
Revisione: ReRosso

DOWNLOAD SOTTOTITOLI (v. 1.1)

[changelog 11/9/2010: abbiamo corretto alcuni refusi]

> Acquista il DVD (regione 1) <

Cari amici di ComedySubs, oggi è un grande giorno: è ormai da un anno che questo blog diffonde il verbo della stand-up comedy di lingua inglese per tutto l’italico stivale, e abbiamo deciso di festeggiare il compleanno con un monologo piccante come pochi altri!

Robert Schimmel, rispetto a tutti gli altri comici che abbiamo proposto, è quello che vanta la notorietà minore: non conduce talk-show televisivi, non ha presentato gli Academy Awards, non è diventato attore né regista cinematografico… è rimasto solo ed esclusivamente uno stand-up comedian. Probabilmente, a causargli un certo ostracismo nel mondo dei media, sono state le sue battute particolarmente spinte e controverse. Ha comunque al suo attivo diverse partecipazioni all’Howard Stern Show e al Late Night with Conan O’Brien.

Schimmel dice di ispirarsi direttamente al nume tutelare della satira americana, Lenny Bruce. A mio modesto parere, Robert possiede anche un talento paragonabile a quello di Richard Pryor nel far ridere il pubblico sulle proprie disgrazie. In questo spettacolo, infatti, parla a lungo dei postumi del suo infarto, mentre in quelli successivi si dilunga sulla sua esperienza personale con la chemioterapia.

Quindi, siore e siori, ecco a voi Unprotected… anche se forse molte battute le conoscete già!

Traduzione e timing: ReRosso
Check: Adrien Vaindoit
Styling: Vaz

Durata video: 58:37

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> ACQUISTA IL DVD (regione 1) <

Satiristas!
Principale
Siti amici
Archivi
Twitter
Facebook

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, acconsenti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, scrollando verso il basso o cliccando su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi