header_

Archivi per la categoria ‘Varie’

Drama and comedyLa cattiva notizia è che ComedySubs muore oggi. E stavolta non è un pesce d'Aprile. Come tutte le cose belle, anche questo sito ha fatto il suo corso, ci ha dato gioie (tante) e dolori (praticamente nessuno).

Dopo 6 anni di onorata carriera, il nostro percorso è giunto al termine. "Perché ci fate questo", chiederanno i nostri più affezionati lettori?

Sin dal suo inizio ComedySubs è stato un sito collegiale, a cui hanno partecipato un certo numero di persone, chi più, chi meno, come potete vedere nella nostra pagina dei credits. E questo gruppo di persone ha sempre avuto un coordinatore, cioè il sottoscritto, che si è sempre assunto la piena responsabilità di tutti i contenuti qui pubblicati. Nel momento in cui la Vita Reale® ha insistentemente bussato alla mia porta, il mio tempo per coordinare è andato esaurendosi sempre più, fino a scomparire del tutto.

Le soluzioni possibili erano due: passare la mano a qualcun altro, oppure chiudere bottega. Per vari motivi, sentivo che il momento di passare la mano non era ancora arrivato, sentivo che la responsabilità di questo spazio era ancora troppo mia. Forse mi sbagliavo, e nel caso me ne assumo ogni responsabilità. Fatto sta che su questo blog, almeno nel breve-medio periodo, non sarà pubblicato null'altro.

 

La buona notizia è invece che ComedySubs ha avuto un figlio. Una parte del nostro staff ha deciso di organizzarsi e andare avanti con le proprie gambe, superando l'inerzia atavica del vostro fedelissimo, e ha fondato ComedyBay. Uno spazio tutto nuovo, su cui potrete continuare a trovare sottotitoli di qualità, con pubblicazioni più regolari e nel pieno rispetto della tradizione di fedeltà alle fonti che ci ha sempre contraddistinti. Ci troverete molti degli spettacoli che erano in programma qui, e tanto altro ancora.

Quindi non vi resta che aggiungere www.ComedyBay.it ai preferiti del vostro browser, sedervi comodamente in poltrona e godere di altre ore di ottima comicità sottotitolata.

Addio, e grazie per tutto il pesce.

ReRosso

 

PS: comedysubs.org e tutti gli account social a esso collegati resteranno attivi a tempo indeterminato, in modo che tutto il lavoro fatto fino a oggi non vada perso e sia sempre disponibile per i futuri appassionati di stand-up comedy. Saltuariamente continueremo a postare su Twitter e Facebook, per segnalarvi le ultime news sulla comicità internazionale.

Gentili anime in pena,

siamo fieri di annunciarvi l’uscita del primo libro tradotto da ComedySubs. Il nostro esordio in libreria non poteva che essere con ¡Satiristas! – La rivincita della satira, edito da Sagoma Editore, corposo libro di interviste ad alcuni dei comici anglofoni più importanti del mondo della stand-up comedy. L’autore delle interviste è Paul Provenza (regista di The Aristocrats), un comico a sua volta, che ci darà l’opportunità di conoscere l’opinione dei più grandi stand-up comedian sui temi più spinosi concernenti la comicità: quali sono i suoi limiti, se sono necessari paletti, se può cambiare la società, che rapporto ha con la verità.  Il libro è impreziosito dai ritratti fotografici di tutti i comici intervistati, a opera del fotografo Dan Dion.

Parleremo di censura con Trey Parker e Matt Stone, di infelicità con Doug Stanhope, della risata secondo Jay Leno e secondo Bill Maher, di contesto con Lewis Black, di Groucho Marx con Conan ‘O Brien, di fori di proiettile stuprati con Paul Krassner, di Monty Python con Terry Jones, del perché gli autori di The Onion hanno deciso di non pubblicare la battuta “L’America è più forte che mai, dichiara il Tetragono” nel numero dedicato all’11 settembre, e tanto altro, tra cui soprattutto l’ultima, illuminante, intervista-fiume concessa da George Carlin appena una settimana prima della sua morte.

Un bel po’ dei protagonisti del libro li conoscete e sono già comparsi su queste pagine (oltre a quelli citati sopra, ci sono Billy Connolly, Dave Attell, Jamie KilsteinMargaret Cho, Tom Lehrer, Randy Newman e gli autori di Wonder Showzen), altri compariranno a seconda della curiosità che sicuramente susciteranno in voi anime prave.

Mancano alcuni grandi, come Bill Hicks (per ovvi motivi), Louis CK o Eddie Izzard, ma il libro fornisce un ritratto esaustivo del mondo della comicità anglosassone e leggerlo è un ottimo modo per conoscere tutte le implicazioni che si celano dietro alle punchline dei più grandi. Questo libro non può mancare sul comodino di ogni vero appassionato di satira, di ogni aspirante comico, di ogni comico navigato e di tutti quelli che passano le nottate a scrivere battute sul forum di Spinoza.

Siamo talmente fieri di aver tradotto questo libro che saremmo disposti a presentarlo perfino a Che Tempo Che Fa.

Sappiamo che vi abbiamo abituati ad avere i nostri servigi gratis, ma questa volta il costo del libro è 20 euro e vi invitiamo ad acquistarlo qui da noi al prezzo scontato di 17 euro usando il box qui nella colonna di destra.

I proventi delle copie acquistate dal nostro sito saranno utilizzati per realizzare finalmente il Piano di Rinascita Democratica e quello che avanza per finanziare i prossimi progetti di ComedySubs, come ad esempio quello di produrre il Satiristas italiano!

Il libro sarà disponibile a partire dal 10 luglio, quindi le copie acquistate prima di quella data le spediremo non appena ne verremo in possesso.

Per i primi 10 ordini le spese di spedizione sono gratis [update: PROMOZIONE ESAURITA]. Cosa volete più, che ci mettiamo una scopa in culo e vi ramazziamo la stanza?

Cari amanti delle larghe intese,

in attesa di nuovi monologhi, la cui traduzione procede a sgonfie vele, facciamo capolino nel mondo del cinema tirando fuori dai nostri archivi la traduzione di un grande film inedito in Italia: Submarine, di Richard Ayoade.

Si tratta di una commedia adolescenziale che non deluderà i vostri palati abituati a un umorismo di un certo livello, con dalla sua parte un’ottima regia, un’ottima recitazione, le musiche di Alex Turner degli Arctic Monkeys e un tocco di poesia che non fa mai male.

Dopo una rapida ricerca abbiamo notato che esistono altri sottotitoli italiani per questo film, ma confidiamo nel vostro buon gusto nel riconoscere la qualità interstellare di una traduzione targata ComedySubs.

Angolo sticazzi: Ayoade è Maurice nella serie The IT Crowd.

 

Traduzione: Adrien Vaindoit
Revisione: ReRosso

 

 

SCARICA SOTTOTITOLI

Gentile ammasso di ridondante protoplasma, è con somma gioia che abbiamo la gioia di presentare, per la prima volta nella storia di ComedySubs, un intero spettacolo di satira anglosassone non sottotitolato ma già parlato originalmente in italiano. Il comico in questione è George Littlemountains e viene da Fermo, in provincia di Phoenix, Arizona, e questo è il suo show del 2011 “Nibiru“, vietato ai minori di 18 anni.

Come di certo ricorderete, abbiamo già ospitato su queste pagine una luminosa intervista al Nostro, all’epoca ancora in procinto di debuttare nei teatri con lo spettacolo che andiamo elargendovi integralmente.

Non vi meritereste nemmeno di non dover pagare una lira per assistere a questo pregevole esempio di satira carliniana dura e pura, ma ci fa comunque piacere promuovere in Italia un genere che non fa praticamente nessuno, essendo tutti impegnati a scrivere battute di un rigo sui titoli di Repubblica.it o a sfondare porte aperte su Rai3/La7. Nessuna polemica ovviamente con gli altri tipi di satira, ma nel caso di Montanini c’è proprio quello che amiamo noi, un tizio con un microfono che ci dà il suo punto di vista sulle eterne contraddizioni della vita umana, senza porsi su alcun piedistallo, senza partire dall’assunto “io e chi ride con me siamo nel giusto”.

Già oltre il berlusconismo ben prima della caduta del governo, “Nibiru” è una boccata d’ossigeno, riempie sacrosantamente un vuoto il sentir parlare, in Italia, di aborti, pompini e Padre Pio con la stessa naturalezza con cui i nostri mostri sacri affrontavano questo genere di temi negli USA. Ed è proprio per questa virtù di Giorgio, assieme alle sue ottime doti comiche, che il pubblico presente in sala, pur generico e ad uno stadio pre-Sesso con Luttazzi, ride a crepapelle. La dimostrazione che la stand-up comedy non è fatta per una nicchia, ma è uno dei bisogni primari d’intrattenimento di ognuno. Ben venga quindi Montanini in Rai.

Mi prometto di riproporre queste righe all’attenzione dei miei colleghi quando sarò membro del cda Rai.

– Adrien Vaindoit

Gentile popolo di Internet, ComedySubs chiude. Per colpa della combo legge bavaglio + lobby dei doppiatori + Laura Pausini, a partire da domani volontariamente abbandoneremo il web e continueremo a pubblicare sottotitoli esclusivamente in radio. Scherzone!

Mai priveremmo di un sollievo tanto prezioso le vostre stanche menti fiaccate da tutte le battute sulle figuracce governative del giorno.

Col benestare delle malelingue, il nostro consorzio di superfichi vorrebbe proporvi oggi alcuni estratti da Wonder Showzen, una serie televisiva che potremmo definire come una sorta di Melevisione per piccoli adoratori del demonio, un programma che nella forma è in tutto è per tutto un contenitore per bambini, ma che in realtà è destinato a un pubblico decisamente adulto. I protagonisti sono dei simil-Muppets sotto anfetamine e teneri putti e fanciulli che parlano di schiavismo, macellazioni, guerre, orrori del capitalismo, morte e inesistenza di Dio, praticamente tutto ciò che avremmo sempre sognato sentir dire dai Teletubbies o dai concorrenti di “Io Canto”, se solo avessimo mai visto almeno mezzo secondo di trasmissione.

Gli autori di Wonder Showzen sono Vernon Chatman e John Lee, il primo noto anche come monologhista, ma soprattutto per aver prestato la propria voce a Towelie, personaggio-meteora di South Park.

Accuratamente selezionate, trascritte, tradotte e assemblate dai nostri schiavi, eccovi alcune gag di Wonder Showzen in due video di assaggio dell’adorabile programma andato in onda per due stagioni tra il 2005 e il 2006 sull’Mtv2 statunitense.

– Adrien Vaindoit

PS: poiché i video sembrano non piacere a Youtube, dovrete guardarveli sulla nostra pagina Facebook (e già che ci siete, se non lo avete già fatto, iscrivetevici!).

Video 1 – Video 2

Cari esponenti dell’Italia peggiore, siamo sicuri che anche a voi sarà capitato di ingaggiare battaglie all’ultima barzelletta con i vostri amici, sfidandovi a vicenda a raccontare la storiella più blasfema e disgustosa. Ebbene, ComedySubs torna a fare del sano servizio pubblico e vi offre un asso nella manica per questo genere di occasioni. Il documentario che vi presentiamo oggi, infatti, parla di quella che è considerata dai comici di lingua inglese come la barzelletta più oscena di tutti i tempi.

The Aristocrats è però molto più di una semplice barzelletta: è una stretta di mano segreta tra comici, una prova di improvvisazione che gli stand-up comedian eseguono davanti ai loro colleghi per pavoneggiarsi. Essenzialmente, la sua struttura è molto semplice: ci sono un incipit e una battuta finale molto precisi, ma è al centro che succede il meglio. Sì, perché è lì che chi la racconta deve personalizzare la storia infilandoci dentro tutte le cose più rivoltanti, politicamente scorrette e sconvenienti che gli passano per la testa. E quanto più dura il tutto, tanto meglio.

I registi Paul Provenza e Penn Jillette hanno chiesto a cento comici di raccontare la loro versione della barzelletta. Fra questi, alcuni che chi segue ComedySubs conosce molto bene, come George Carlin, Billy Connolly, Eddie Izzard, Chris Rock, Emo Philips, Doug Stanhope, Gilbert Gottfried, Steven Wright e Bill Maher. Ma ci sono anche personaggi famosi del calibro di Robin Williams, Whoopi Goldberg, Sarah Silverman e Bob Saget, solo per citarne alcuni. Potrete conoscere l’identità del resto dei comici nei titoli di coda.

E si comincia: un talent scout è seduto nel suo ufficio………

Durata video: 84:51

Traduzione: Roberto Ferrario e Giacinto Palmieri
Revisione: ReRosso

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

> Acquista DVD <

Cordiali vajasse e atleti pompeiani sfollati, è autunno. Come il ciclo secolare delle stagioni prevede, le foglie cadono e nelle librerie germoglia il nuovo libro di Vespa. Tra una caldarrosta e l’altra, noi di ComedySubs stamattina ci siamo svegliati e abbiamo tradotto The Yes Men Fix the World.

Trattasi di un documentario sulle peripezie degli Yes Men, due attivisti specializzati nel prendere per il culo le multinazionali che più disprezzano spacciandosi per loro portavoce e rilasciando dichiarazioni clamorose o, addirittura, dicendo la verità su questioni particolarmente scomode.

Come loro stessi dichiarano, gli Yes Men si occupano di “Identity Correction”: impersonano i cattivoni e ne svelano pubblicamente le malefatte con azioni di forte impatto. E la satira che abbiamo affrontato finora cos’è se non il giocoso smascheramento delle ipocrisie dei discorsi ufficiali? La differenza è che qui la satira agisce attivamente (arrivando a far perdere 2 miliardi di dollari alla Dow Chemicals) travestendosi dal suo bersaglio e creando gustosi cortocircuiti su cui potrete riflettere nudi sul cesso.

Il film è in libera distribuzione online e noi ne siamo i traduttori ufficiali per l’Italia.

– Adrien Vaindoit

Traduzione: Adrien Vaindoit e Tode Sakugawa
Revisione e timing: ReRosso
Styling ed encoding: Vaz

UPDATE: aggiunto il torrent.

DOWNLOAD DIRETTOSOLO SOTTOTITOLI (srt)
DOWNLOAD TORRENT

The Yes Men Fix the World

Nota tecnica di Vaz: spulciando sul sito ufficiale troverete anche la (presunta) versione HD di questo film. Noi abbiamo optato invece per la sola versione a risoluzione standard. Perché? Perché l’HD non era in HD (cioè a risoluzione 1280×720), ma una via di mezzo, 880×480. In fase di encoding ho anche sistemato l’aspect ratio, che nell’edizione inglese era sballata, perciò la nostra è l’unica correttamente in 16:9.

Prima o poi doveva succedere, come è logica del capitalismo. ComedySubs si lascia “incorporare” dalla grande multinazionale Italian Subs Addicted. Il passaggio a major causerà un addolcimento dei contenuti per venire incontro al grande pubblico di fanboys and girls di Gossip Girl? Niente affatto.

In realtà si tratta di una collaborazione che consisterà nella pubblicazione su Itasa di alcuni spettacoli già disponibili su ComedySubs, col nobile scopo missionario di predicare il Verbo di Bill, George, Chris etc. ai non convertiti e costruire insieme un nuovo miracolo italiano. Siamo sicuri che l’autorevolezza del nostro nuovo partner contribuirà a diffondere la conoscenza della stand-up comedy di lingua inglese a una velocità ancora maggiore. Troverete i nostri sottotitoli nella scheda a noi dedicata, raggiungibile dalla home page di Itasa.

Non si escludono eventuali co-produzioni future con i nostri nuovi amichetti, a cui inviamo tanti bacini sul pancino e che ringraziamo per lo spazio concessoci.

Adrien Vaindoit & ReRosso

Cari appassionati di comicità, vi comunico con estrema gioia che ComedySubs è stato candidato per i Macchianera Blog Awards 2010, nella categoria “Miglior blog rivelazione”! Un onore grandissimo per noi, che siamo cresciuti piano piano, senza grossi gruppi editoriali o quotidiani nazionali alle spalle, solo con la forza della passione per la satira e la comicità.

Ringraziando immensamente tutti voi per averci segnalato come candidati nella fase preliminare degli Awards, vi chiediamo un piccolo ulteriore sforzo: votateci e fateci votare nella fase finale! Potete farlo, fino al 23 settembre, utilizzando il form qui sotto o collegandovi al sito di Macchianera. Tenete bene a mente che dovete indicare un indirizzo email esistente ed esprimere una preferenza per ogni categoria, altrimenti il vostro voto non sarà ritenuto valido.

Grazie ancora a tutti voi per la stima… e non ci abbandonate proprio ora!

[votazione conclusa: siamo arrivati terzi nella nostra categoria]

Cari inconsapevoli acquirenti di immobili, da qualche giorno gira in rete un video dal titolo “Il meglio [non è] di Daniele Luttazzi“, che è l’ennesimo capitolo della saga “Luttazzi copia?”. In quel filmato, sono utilizzati ampi stralci di materiale tradotto e messo a disposizione da noi di ComedySubs. Gli autori del video hanno avuto la gentilezza di darci credito di ogni singolo video utilizzato e li ringraziamo per questo. Per quanto riguarda la parte di nostra competenza, i nostri lavori sono liberamente utilizzabili. Ci teniamo però a specificare che:

– Nessuno dello staff di ComedySubs ha partecipato alla realizzazione del video sopra citato;

– ComedySubs è nato con l’unico intento di diffondere la conoscenza della satira americana in Italia. Non è nostra intenzione smascherare alcun plagio. Se in qualche modo i nostri video contribuiscono a sollevare dubbi sul lavoro di comici italiani, si tratta di un effetto collaterale indipendente dalla nostra volontà. Scegliamo gli autori che traduciamo esclusivamente per la loro bravura.

– La posizione ufficiale di ComedySubs sulla questione “Luttazzi copia?” non esiste. Come detto sopra, ComedySubs ha solo intenti educativi e non prende posizioni su qualsivoglia altro argomento. I singoli membri dello staff hanno opinioni personali sulla questione e possono parlare esclusivamente a titolo personale.

Detto questo, ai posteri l’ardua sentenza…

Satiristas!
Principale
Siti amici
Archivi
Twitter
Facebook

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, acconsenti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, scrollando verso il basso o cliccando su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi